Buco pensioni: la sentenza n. 70/2015 della Corte Costituzionale

Corte Costituzionale – Sentenza n. 70/2015

Questa sentenza produrrà un effetto devastante sui conti pubblici.

…. in assenza di dati ufficiali, continuano a essere diffuse stime discordanti: i consulenti del lavoro hanno quantificato l’impatto in 6 miliardi, ma il centro studi Nens, a cui si accoda la Cgia di Mestre, si spinge a calcolarlo in oltre 16 miliardi di euro. (Il Fatto Quotidiano)

Ecco una prima risposta del sottosegretario all’Economia Enrico Zanetti

La Corte Costituzionale il 7/05/2015 ha diramato il seguente comunicato stampa:

In relazione alle notizie di stampa che attribuiscono alla Corte dichiarazioni in merito alla natura “autoapplicativa” della decisione n. 70, il Presidente precisa che la Corte non ha rilasciato alcuna dichiarazione al riguardo.
Le sentenze della Corte che dichiarano la illegittimità costituzionale di una norma di legge o di un atto avente forza di legge producono la cessazione di efficacia della norma stessa dal giorno successivo alla pubblicazione della decisione. Da quel momento gli interessati possono adottare le iniziative che reputano necessarie e gli organi politici, ove lo ritengano, possono adottare i provvedimenti del caso nelle forme costituzionali.

Ecco quanto detto dal ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, nel corso di una audizione in commissione Finanze al Senato

About the Author

mariosabatino

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *