UK Digital Economy Bill – Filesharing illegale: disconnessione senza il preventivo ordine di un giudice

Il Digital Economy Bill , attualmente nella fase di prima lettura davanti al Parlamento britannico, è una legge che, se approvata nell’attuale testo, costringerà gli Internet provider a tagliare la connessione agli utenti che siano accusati di violare le leggi sul copyright per aver scaricato e condiviso file illegali, senza un preventivo ordine del giudice a conclusione di un processo con tutte le garanzie per l’accusato ivi compresa la presunzione d’innocenza. Spetta all’utente l’onere di ricorrere contro il provvedimento per dimostrare la propria innocenza e riacquistare la connessione alla rete.Questo disegno di legge sembra non tenere conto del pacchetto telecom che sarà domani approvato definitivamente dal Parlamento Europeo. Le organizzazioni per i diritti civili denunciano che, se approvata, la legge costituirà un grave pericolo per la libertà di espressione. ed un attentato alla privacy degli utenti. Tuttavia, secondo alcuni commentatori, ai sensi di quanto previsto proprio dalle norme del pacchetto telecom, per giungere alla disconnesione sarebbe necessario un semplice procedimento di natura amministrativa e non un vero e proprio processo.

Ecco il testo dell’articolo della direttiva (tratto dal testo comune approvato dal Comitato di conciliazione):

3 bis. I provvedimenti adottati dagli Stati membri riguardanti l’accesso o l’uso di servizi e applicazioni attraverso reti di comunicazione elettronica, da parte degli utenti finali, devono rispettare i diritti e le libertà fondamentali delle persone fisiche, garantiti dalla convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali e dai principi generali del diritto comunitario.
Qualunque provvedimento di questo tipo riguardante l’accesso o l’uso di servizi e applicazioni attraverso reti di comunicazione elettronica, da parte degli utenti finali, che ostacolasse tali diritti o libertà fondamentali può essere imposto soltanto se appropriato, proporzionato e necessario nel contesto di una società democratica e la sua attuazione dev’essere oggetto di adeguate garanzie procedurali conformemente alla convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali e ai principi generali del diritto comunitario, inclusi un’efficace tutela giurisdizionale e un giusto processo. Tali provvedimenti possono di conseguenza essere adottati soltanto nel rispetto del principio della presunzione d’innocenza e del diritto alla privacy. Dev’essere garantita una procedura preliminare equa ed imparziale, compresi il diritto della persona o delle persone interessate di essere ascoltate, fatta salva la necessità di presupposti e regimi procedurali appropriati in casi di urgenza debitamente accertata conformemente alla convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali. Dev’essere garantito il diritto ad un controllo giurisdizionale efficace e tempestivo.

About the Author

mariosabatino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *