Di certo qualcosa bolle in pentola. In questo momento storico abbiamo una classe politica sempre più in crisi e cittadini sempre più informati grazie alla rete che permette l’accesso a canali d’informazione diffusi e non facilmente controllabili; contemporanemente c’è una lobby degli editori che non ha ancora trovato un credibile modello di business per lo sfruttamento commerciale delle opere intellettuali, o forse lo ha trovato ma poichè i nuovi modelli probabilmente non garantiscono gli enormi profitti del passato, si è rinchiusa nel fortino e tenta di difendere i propri privilegi finchè dura. Queste due forze convergenti (politica + lobby editori), come peraltro è già avvenuto in passato, possono produrre leggi liberticide e censorie.

in riferimento a:

Il Punto n. 7 – GBLOG (visualizza su Google Sidewiki)

About the Author

mariosabatino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *